sabato , 24 Febbraio 2024
Home Primo piano Plusvalenze Juve: i pm di Torino chiedono l’archiviazione 
Primo pianoTutte le news

Plusvalenze Juve: i pm di Torino chiedono l’archiviazione 

Nessuna falsa fatturazione: emersa la "finalità bilancistica"

di Emanuele Tonini – Il colpo di scena arriva dalla Procura di Torino: per la Juventus cade l’accusa di fatture inesistenti, in merito alle operazioni di plusvalenze fittizie per gli ex dirigenti bianconeri. 
I pm hanno chiesto infatti l’archiviazione per la vicenda plusvalenze e per il presidente della Juventus Andrea Agnelli, il vicepresidente Pavel Nedved e il direttore sportivo Fabio Paratici, oltre che per i sindaci Marco ReStefano Bertola e Stefano Cerrato. Il Gip ha accolto la richiesta facendo cadere il primo capo di imputazione. 

La Procura di Torino ha così motivato la richiesta di archiviazione: “E’ emersa la finalità prevalentemente bilancistica e non fiscale delle operazioni di scambio contestate. Queste operazioni risultano neutre, ‘a somma zero’, sotto il profilo finanziario, teso solo a consentire di registrare un ricavo immediato, spalmando i costi negli anni successivi”.

Tradotto dunque in parole povere, anche ritenendo alterati i valori contrattuali, la Juventus non ha avuto nessun beneficio fiscale da queste operazioni. Lo scambio, che non prevedeva passaggio di denaro, aveva lo scopo di acquistare e vendere calciatori in modo da raggiungere gli obiettivi imposti dal Financial Fair Play. Cade il primo capo di imputazione a carico della società bianconera e dei suoi ex dirigenti, restano da chiarire gli altri tre: false comunicazioni sociali di società quotata in Borsa (per i bilanci 2019/2020/2021), ostacolo agli organi di vigilanza e manipolazione del mercato

Anche per i sindaci non risulta alcun coinvolgimento come scrivono i pm: “Non vi sono elementi per addebitare al collegio il ‘segmento’ di falso in bilancio che deriva dalle manovre stipendi, operazioni ‘correttive’ addebitabili all’organo amministrativo della società“. 

I tre sindaci infatti, erano all’oscuro delle manovre stipendi, delle scritture private non inserite nel contratto e della famosa “carta Ronaldo” dove si parla di un debito della società verso l’attaccante di 19 milioni. 

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Articles

Serie A: 26^ giornata, l’anticipo di venerdì

Il 26^ turno di campionato si apre con l’anticipo del Dall’Ara dove...

Lazio: ufficiale il rinnovo di Ivan Provedel

La SS Lazio ha annunciato tramite un comunicato il rinnovo contrattuale per...

Arbitri: curiosità sulle designazioni della 26^ giornata di Serie A

di Marco Schiacca –  Il programma delle designazioni della 26^ giornata del campionato di Serie...

Calcio stra-ordinario: il Clásico dell’Astillero

di Andrea Iustulin – Appena si parla di calcio associandolo al Sud...