venerdì , 19 Luglio 2024
Home Social TV Euro Weekend Premier League: i risultati della 38^ giornata
Euro WeekendPrimo pianoTutte le news

Premier League: i risultati della 38^ giornata

City campione d’Inghilterra per la 4^ volta consecutiva

(Premier League)

di Gianluca Stanzione – Tempo di verdetti dopo il 38^ turno di Premier League. Il Manchester City di Pep Guardiola supera il West Ham e conquista la sua quarta Premier League di fila, la sesta negli ultimi sette anni. L’Arsenal di Mikael Arteta batte l’Everton ma chiude al secondo posto mentre il Liverpool saluta Jurgen Klopp dopo nove stagioni. Con la 5^ posizione il Tottenham si garantisce l’accesso alla prossima Europa League. Ancora da decifrare il futuro del Chelsea, la squadra di Pochettino tornerà in Europa ma l’eventuale vittoria in finale di FA CUP del Manchester United potrebbe scalzare i Blues che a quel punto scivolerebbero in Conference League. Nel caso in cui i Red Evils non dovessero avere la meglio nella finale contro il Manchester City, a beneficiarne sarebbe il Newcastle che accederebbe di diritto alla Conference League. Il Luton Town cade con il Fulham e retrocede in Champiosnhip assieme a Burnley e Sheffield Utd.

Sheffield Utd-Tottenham 0-3

La stagione del Tottenham si chiude al Bramall Lane, dove è ospite del fanalino di coda Sheffield Utd. Sin da subito sono gli Spurs ad imporre il proprio ritmo e sfiorando il vantaggio in apertura di gara. Il buon avvio del Totenham viene premiato al quarto d’ora con la rete di Kulusevski, lo svedese porta avanti i suoi. La squadra di Postecoglu controlla la situazione di vantaggio e termina il primo tempo avanti.  Nella ripresa ricomincia in maniera autoritaria e con personalità il Tottenham mentre lo Sheffield non riesce in alcun modo a rendersi pericoloso dalle parti di Vicario. La squadra ospite colpisce ancora al 59 con Pedro Porro, il laterale spagnolo raddoppia e indirizza la gara. Passano pochi minuti e arriva anche il terzo gol degli Spurs, di nuovo con Kulusevski, doppietta personale per lo svedese. La fase finale del match non regala particolari emozioni con il Tottenham che congela il pallone e si prende i tre punti. La squadra di Postecoglu termina in maniera positiva la stagione, pratica Sheffield archiviata ed Europa League centrata. Il Tottenham chiude in 5^ posizione a 66 punti. Saluta la Premier League lo Sheffield Utd, i ragazzi di Wilder collezionano la 7^ sconfitta consecutiva e chiudono la propria stagione in ultima posizione a 16 punti.

Machester City-West Ham 3-1

Tra le mura amiche dell’Ethiad Stadium, il Manchester City di Pep Guardiola vuole prendersi il titolo e per farlo dovrà battere il West Ham di David Moyes. La squadra di casa parte a mille e dopo 2’ passa in vantaggio con Foden, mancino chirurgico dal limite dell’inglese che non lascia scampo ad Areola. I Citizens dominano in lungo e in largo con gli ospiti che faticano a contenere le avanzate dei ragazzi di Guardiola. Il Manchester City gioca sulle ali dell’entusiasmo e al 19’ trova il raddoppio: Doku sfonda sulla sinistra e trova al centro Foden, per il quale è un gioco da ragazzi mandare il pallone in porta. La 19^ rete in campionato del campione inglese avvicina tantissimo i Citizens al titolo. Dopo un primo tempo a senso unico, nel finale il West Ham prende coraggio e al 41’ accorcia le distanze con un super gol di Kudus: rovesciata di mancino del ganese e gara riaperta all’Ethiad. Nella ripresa attacca forte il Manchester City che vuole ristabilire le distanze. I padroni di casa attaccano con insistenza e al 59’ trovano il terzo gol con Rodri, destro piazzato dello spagnolo con Areola che è battuto per la terza volta. La rete del centrocampista indirizza la partita e da sicurezza ai Citizens, che controllano il possesso. Il West Ham non appare intenzionato né in grado di rovinare la festa a Pep Guardiola e la gara dell’Ethiad si chiude con la vittoria del Manchester City. Successo che significa titolo, il quarto consecutivo e l’ottavo negli ultimi 12 anni. Con il successo sul West Ham, i Citizens conquistano la Premier League con 91 punti. Il West Ham esce sconfitto dalla gara di Manchester e termina il suo campionato in 9^ posizione a 49 punti.

Luton-Fulham 2-4

Al Kenilworth Road, il Luton Town di Rob Edwards ospita il Fuham di Marco Silva. Nel primo tempo la gara è divertente con entrambe le squadre propense ad attaccare e con tanta intensità da ambo le parti. Nel finale della prima frazione sono gli ospiti a passare in vantaggio, al 42’ Traore porta avanti il Fulham. La reazione della squadra di casa arriva un minuto più tardi con Ogbene che si guadagna un tiro dal dischetto. Alla battuta va Morris che al 45’ riporta in parità il Luton. Il direttore di gara concede quattro minuti di recupero e al 48’ si riportano avanti i Cottagers con Jimenez, il messicano è glaciale davanti a Kaminski e permette ai suoi di chiudere avanti la prima metà di gara. Nella ripresa ricomincia forte il Fulham e al 49’ è di nuovo Jimenez a colpire: l’attaccante di testa firma la sua doppietta. Nonostante il doppio svantaggio, non si arrendono i padroni di casa che al 55’ rientrano in partita grazie alla rete di Doughty. Il Luton Town aumenta la pressione in avanti e attacca alla ricerca del pari, concedendo però ampi spazi agli ospiti. La squadra di Marco Silva ristabilisce le distanze aal 68’ con Wilson, il gallese cala il poker. Nell’ultimo quarto d’ora di gioco, i Cottagers gestiscono il doppio vantaggio e chiudono la sfida senza correre rischi. Questo successo permette al Fulham di superare in classifica il Wolverhampton e di salire a 47 punti in 13^ posizione. Per il Luton Town si tratta di uno stop doloroso, la sconfitta fa sprofondare la squadra di Edwards in Championship, terminando la sua Premier League in 18^ posizione a 26 punti.

Liverpool-Wolves 2-0

Ad Anfield Road si chiude la stagione del Liverpool, quella contro il Wolverhampton sarà l’ultima di Jurgen in Klopp sulla panchina dei Reds dopo nove stagioni, al suo posto pronto Arne Slot. La squadra di casa attacca da subito e sfiora il vantaggio in avvio. Poco prima della mezz’ora restano in inferiorità numerica gli ospiti, al 36’ Semedo rimedia un rosso diretto. L’episodio mette in discesa la gara per il Liverpool, che poco dopo trova il vantaggio: al 34’ Mac Allister batte Josè Sa da distanza ravvicinata. Una volta sbloccato il risultato, i padroni di casa gioca con entusiasmo e mettono alle corde i Wolves e al 41’ Quansah firma il raddoppio. Nella ripresa la squadra di Klopp controlla il doppio vantaggio e si rende pericoloso in più occasioni mancando però di precisione. La squadra ospite si compatta e riesce a limitare i danni senza peggiorare il passivo. L’ultima di Klopp sulla panchina del Liverpool termina con una vittoria, successo che consente al Liverpool di raggiungere gli 82 punti e di confermare la 3^ posizione. Il Wolverhampton esce sconfitto da Anfield Road e viene sorpassato in classifica dal Fulham, i Wolves concludono la loro Premier League in 14^ posizione a 46 punti.

Crystal Palace-Aston Villa 5-0

Davanti i propri tifosi del Selhurst Park, il Crystal Palace di Oliver Glasner affronta l’Aston Villa di Unai Emery. Il pomeriggio comincia alla grande per i padroni di casa: al 9’ Mateta con il mancino infila Olsen. Non si fa attendere la risposta degli ospiti che poco dopo sfiorano il pari con Diaby ma Henderson con un grande intervento respinge. Nel finale del primo tempo è di nuovo protagonista Mateta, al 38’ l’attaccante francese firma la sua doppietta. Inizia la ripresa e il Crystal Palace chiude di fatto la gara con la rete di Eze: al 55’ l’inglese batte Olsen dal limite. L’Aston Villa non riesce a reagire e al 64’ arriva anche il poker dei Glazers, di nuovo con Mateta che si porta a casa il pallone. I Villans non riescono in alcun modo ad arginare le avanzate del Crystal Palace e al 70’ Eze firma la sua doppietta e il quinto gol dei suoi. Gara che termina senza altre emozioni, risultato che certifica la superiorità in campo dei padroni di casa. Con questo successo, la squadra di Glasner conclude al meglio la propria annata, il Crystal Palace sale a quota 49 punti in 10^ posizione di classifica. Per l’Aston Villa è un ko pesante nelle forme ma che non intacca il grande percorso stagionale della squadra di Emery: i Villans terminano il loro campionato in 4^ posizione a 68 punti, accedendo alla prossima Champions League.

Chelsea-Bournemouth 2-1

Il Chelsea di Mauricio Pochettino ospita il Bournemouth di Andoni Iraola. I Blues spingono forte sin da subito e al 16’ passano in vantaggio con un super gol di Caicedo: il centrocampista calcia direttamente da centrocampo e beffa Neto. Nel finale del primo tempo sfiora due volte la seconda rete il Chelsea ma gli ospiti si salvano. Comincia la ripresa e i padroni di casa impiegano appena tre minuti a raddoppiare: al 48’ Sterling trova un grande angolo e batte Neto. Un minuto più tardi torna in partita il Bournemouth, al 49’ autorete sfortunata di Badiashile e gara riaperta. Dopo aver accorciato le distaze, la squadra di Iraola ci crede e attacca alla ricerca del pari. I Blues mantengono il possesso e abbassano i ritmi in campo, impedendo agli ospiti di rendersi pericolosi. Nei minuti finali la squadra di Pohcettino congela il possesso e porta fino in fondo la rete di vantaggio, garantendosi i tre punti. Con questo risultato il Chelsea conclude la stagione in 6^ posizione a 63 punti. La 6^ posizione garantirebbe al momento l’accesso all’Europa League, che diventerebbe Conference League in caso di successo del Manchester United nella finale di FA CUP. Il Bournemouth esce sconfitto da Stanford Bridge e termina a metà classifica la propria Premier League, in 12^ posizione a 48 punti.

Burnley-Nottingham 1-2

Tra le mura amiche del Turf Moor, il Burnley di Vincent Kompany ospita il Nottingham di Nuno Espirito Santo. Motivazioni opposte per le due squadre, con il Burnley già retrocesso e il Nottingham in cerca del tasssello decisivo per la salvezza. La suadra ospite impiega solo 2’ a sbloccare la gara con la rete di Wood. Fatica ad entrare in partita il Burnley e ne approfittano gli ospiti: al 15’ Wood sigla la sua personale doppietta e il raddoppio per il Nottingham. I padroni di casa accennano una reazione intorno alla mezz’ora e chiudono la prima frazione in crescendo. Complice la situazione di punteggio, nella ripresa è il Burnley a fare la gara con gli ospiti attenti a non concedere spazi. La squadra di Kompany prende coraggio e sfiora la rete dopo pochi minuti. Poco prima della mezz’ora arriva la rete dei padroni di casa: al 73’ Cullen accorcia le distanze. Negli ultimi 10’ di gioco, la squadra di Espirito Santo si compatta e difende la rete di vantaggio. Nonostante un buon finale di gara, il Burnley non riesce ad evitare la sconfitta, il Nottingham si prende i tre punti e può festeggiare la permanenza in Premier League. Con questo successo la squadra ospite sale a 32 punti, tre in più del Luton terzultimo. Per il Burnley si chiude una stagione molto difficile, culminata con una sconfitta e con il penultimo posto in classifica.

Brighton-Manchester Utd 0-2

All’Amex Stadium va in scena l’ultima di Roberto De Zerbi sulla panchina del Brighton. I Seagulls salutano i propri tifosi ricevendo il Manchester United di Eric Ten Hag. Nella prima metà di gara sono i padroni di casa a farsi preferire e ad avere le migliori occasioni per il vantaggio. La squadra di De Zerbi gioca un calcio intenso e propositivo senza concedere spazi al Manchester United. Nella ripresa la sfida è più equilibrata con gli ospiti che aumentano la pressione offensiva. Nella fase iniziale del secondo tempo un’importante occasione per parte ma risultato che non si sblocca. Superata la metà del secondo tempo, i Red Evils alzano il loro baricentro e sembrano avere più energia del Brighton. Arrivati al 72’ riesce a sbloccare la gara il Manchester United grazie alla rete di Dalot. Nell’ultimo quarto d’ora, i Seagulls attaccano con tanti uomini alla ricerca del pari mentre gli ospiti trovano campo e spazi in ripartenza: all’89’ ci pensa Hojlund a chiudere la partita a raddoppiare per i suoi. La sfida dell’Amex Stadium si chiude con il successo del Manchester United, che chiude in 8^ posizione a 60 punti. Per i Red Evils sarà determinante sarà l’esito della finale di FA CUP poichè in caso di successo i ragazzi di Ten Hag avranno accesso alla prossima Europa League. Roberto De Zerbi saluta il Brighton dopo due stagioni, nella gara odierna i suoi Seagulls escono sconfitti dopo una buonissima partita e terminano la propria Premier League in 11^ posizione a 48 punti.

Brentford-Newcastle 2-4

Al Brentford Commuity Stadium, il Newcastle di Eddie Howe fa visita al Brentford di Thomas Frank. Partono forte i padroni di casa che dopo 3’ passano con la rete di Toney. Dopo alcuni secondi il gol viene annullato per posizione irregolare dell’attaccante. Dopo un avvio difficoltoso, il Newcastle prende le misure ai suoi avversari e al 15’ sfiora il vantaggio. La rete degli ospiti è solo rimandata perché al 22’ è Barnes a rompere l’equilibrio, Magpies avanti. La squadra di Howe gioca un calcio dinamico e molto aggressivo mentre il Brentford dopo lo svantaggio fatica a sviluppare il suo calcio. Poco dopo la mezz0ora arriva anche il raddoppio degli ospiti grazie alla rete di Murphy. Il Brentford accusa il colpo e al 38’ subisce anche la terza rete, questa volta è Isak a marcare per gli ospiti. Nella ripresa il Brentford ricominciano con il piglio giusto e al 48’ Janelt accorcia le distanze. La squadra di Howe non riesce a tenere i ritmi del primo tempo e con il passare dei minuti prendono campo i padroni di casa. I ragazzi di Frank riescono a trovare di nuovo la via della rete, al 70’ con Wissa. Non si scompongono i Magpies, che dopo aver subito due reti ricominciano a macinare gioco. Il Newcastle con personalità si riversa in avanti e al 76’ ristabilisce le distanze grazie alla rete di Bruno Guimaraes. Il centrocampista brasiliano chiude di fatto la partita e consente ai suoi di gestire il finale senza particolari affanni. I Magpies si prendono i tre punti e concludono il loro campionato in 7^ posizione a quota 60 punti. Newcastle, che per accedere alla prossima Conference League dovrà fare il tifo per il Manchester City nella prossima finale di FA CUP. Il Brentford saluta i suoi tifosi con una sconfitta. Ko indolore per i ragazzi di Frank, che avevano raggiunto la salvezza già da qualche settimana e che chiudono la loro stagione in 16^ posizione a 39 punti.

Arsenal-Everton 2-1

All’Emirates Stadium, i Gunners si giocano le ultime possibilità di titolo. Obbligo di vittoria per i ragazzi di Mikel Arteta, che davanti ai propri tifosi dovranno battere l’Everton e sperare in un passo falso del Manchester City. Ipadroni di casa approcciano bene alla gara e sfiorano il vantaggio in due occasioni. L’Everton organizza una buona fase difensiva e si compatta nella sua metà campo. Al primo vero tentativo verso lo specchio avversario, l’Everton trova la rete del vantaggio: al 39’ calcio di punizione di Gueye deviato e pallone in fondo al sacco. Immediata arriva la reazione dell’Arsenal: al 42’ Tomiyasu con il destro firma la il pari. Nel secondo tempo è un vero e proprio assalto alla porta dell’Everton da parte dei Gunners. La squadra di Arteta va ad un passo dal vantaggio prima con Saka e poi con Havertz. Quando manca poco più di un quarto d’ora al termine, diventa incessante la spinta offensiva dell’Arsenal. I padroni di casa riescono a trovare il vantaggio nel finale: all’88’ Havertz non sbaglia a porta sguarnita e manda avanti i Gunners. Negli ultimi minuti di gioco controlla il possesso la squadra di casa e la gara termina senza altre emozioni. Successo dal sapore amaro per l’Arsenal, la contemporanea vittoria del Manchester City non consente ai Gunners il sorpasso. La squadra di Arteta disputa una stagione straordinaria ma chiude in 2^ posizione a quota 89 punti. L’Everton esce sconfitto dall’emirates Stadium e termina la sua Premier League a 40 punti in 15^ posizione di classifica.

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Articles

Calciomercato: Juventus, arrivato Cabal

La Juventus ha annunciato l’accordo con l’Hellas Verona per il trasferimento a...

Calciomercato: Empoli, Vasquez in prestito

Il portiere colombiano classe ’98 Devis Vásquez di proprietà del Milan è...

Calciomercato: Como, ufficiale Reina

Il portiere spagnolo Pepe Reina torna in Italia e firma con il...

Calciomercato: Roma, Ryan il vice Svilar

La Roma ha annunciato l’acquisto di Mathew Ryan portiere classe 1992 svincolato...