lunedì , 26 Febbraio 2024
Home Primo piano Serie A: la Roma doma il Toro con un rigore di Dybala
Primo pianoTutte le news

Serie A: la Roma doma il Toro con un rigore di Dybala

Giallorossi si portano al terzo posto in classifica

di Andrea Cesarini – Vittoria di misura per gli uomini di Mourinho che si lanciano nella corsa Champions.
Giallorossi tosti e concreti approfittano dei passi falsi di Inter, Milan e Atalanta battendo il Toro con un rigore di Dybala in avvio e conquistando tre punti fondamentali per la corsa Champions. I ragazzi di Mourinho ora sono terzi da soli.

La partita

Mourinho torna al tradizionale 3421 ma con qualche sorpresa. Llorente prende il posto di Ibanez, Dybala viene schierato falso nueve. Alle sue spalle El Shaarawy e Solbakken. Un influenzato Pellegrini si accomoda in panchina.
Juric si schiera a specchio, lo stesso 3421 con Sanabria unica punta.

Avvio partita a ritmi altissimi che vive subito il suo momento decisivo. All’8’ errore in disimpegno di Buongiorno che regala palla a Zalewsky, conclusione del polacco e “parata” di Shuurs. Nessun dubbio per l’arbitro Colombo, calcio di rigore per i giallorossi. Dybala dal dischetto è freddo e non sbaglia, 0-1.
Il Toro reagisce subito e spinge sull’acceleratore grazie all’ottima prestazione di Radonic e Rodriguez sulla sinistra ma senza creare pensieri a Rui Patricio che non deve compiere nessuna parata.
La Roma entra in modalità controllo gara e prova a pungere in ripartenza, ma la serata opaca di Zalewsky, El Shaarawy e Wijnaldum non consente ai giallorossi di creare azioni per il raddoppio.
Lato Toro in ombra Sanabria, cancellato dal campo da una grande prestazione di Smalling, costantemente in anticipo.
Non stupisce quindi che la prima frazione si chiuda senza ulteriori brividi.

Il secondo tempo parte senza sostituzioni e con la prima occasione per i padroni di casa.
Al 48’ Miranchiuk raccoglie un cross dalla sinistra e anticipa un incerto Llorente, nell’unico errore della sua gara, costringendo Rui Patricio al tuffo sulla sua sinistra per deviare in calcio d’angolo un pallone probabilmente diretto sul palo.
Sull’azione successiva Dybala viene anticipato di un soffio da Milinkovic-Savic e rimane a terra con una caviglia dolorante. Sospiro di sollievo dei tifosi giallorossi quando l’attaccante argentino rientra in campo senza conseguenze fisiche.
Con il passare dei minuti il Toro diventa sempre più aggressivo e pressa alto, la Roma come di consueto quando si trova in vantaggio, preferisce controllare la gara lasciando l’iniziativa agli avversari.
Al 67’ grande azione di Singo che parte dal cerchio di centrocampo e semina il panico tra gli avversari ma la sua conclusione viene ribattuta. Il pallone finisce sui piedi di Pellegri, appena entrato al posto di Sanabria, che impegna Rui Patricio ma in posizione di fuorigioco.
Poco dopo la metà del tempo Mourinho decide di cambiare: Pellegrini che evidentemente ha superato l’influenza che l’ha costretto a partire dalla panchina, prende il posto di El Shaarawy. Pochi minuti dopo Solbakken è costretto a lasciare il campo colpito duro a una mano. Al suo posto Matic.
La partita prosegue con il Toro che preme ma senza impensierire i giallorossi. Al 92’ Abraham, entrato al posto di uno stremato Dybala spara alto da ottima posizione.
I 6’ di recupero si concludono senza ulteriori sussulti e il triplice fischio dell’arbitro consegna ai giallorossi tra punti preziosissimi per la corsa Champions.

Il tabellino

Torino-Roma 0-1
Torino (3-4-2-1): Milinkovic-Savic; Buongiorno (34′ st Lazaro), Schuurs, Gravillon (17′ st Djidji); Rodriguez, Gineitis, Ricci (17′ st Vlasic), Singo; Radonjic (34′ st Karamoh), Miranchuk; Sanabria (17′ st Pellegri). A disp.: Fiorenza, Gemello, Vojvoda, Bayeye, Adopo, Seck, Linetty. All.: Juric
Roma (3-4-2-1): Rui Patricio; Llorente, Smalling, Mancini; Spinazzola, Wijnaldum, Cristante, Zalewski; El Shaarawy (25′ st Pellegrini), Dybala (38′ st Abraham); Solbakken (29′ st Matic). A disp.: Boer, Svilar, Ibanez, Celik, Kumbulla, Darboe, Tahirovic, Belotti. All.: Mourinho
Arbitro: Colombo
Marcatori: 8′ rig. Dybala (R)
Ammoniti: Schuurs, Gineitis, Milinkovic-Savic (T), El Shaarawy (R)

Le dichiarazioni post partita

MOURINHO: “Le partite si vincono quando fai un gol in più dell’avversario. Si vince 1-0 come 5-4 e l’obiettivo è lo stesso. Questo è l’obiettivo dello sport, vincere e farlo con le tue qualità e problemi”. Il portoghese è polemico sulla questione Juventus: “Sei sicuro che la Juventus non ha 59 punti? Siamo in Italia… Chi temo di più per la corsa Champions? Noi stessi. Vogliamo pensare come le grandi squadre e questo tipo di squadre non si fa buttare fuori da nessuna competizione, non perde una partita per avere più possibilità di vincere la prossima. Abbiamo una rosa con dei limiti, siamo ai quarti di Europa League, ma sembra più una Champions League. Ora giocheremo tre partite alla settimana e per noi è dura, ma non sono capace di pensare da ‘piccolino’. Non sono capace di dire che l’Udinese è meno importante del Feyenoord, pensiamo partita dopo partita. Abbiamo dei limiti, abbiamo perso Karsdorp per tutta la stagione e oggi Solbakken forse per tutta la stagione. Noi dobbiamo pensare da grande. Abbiamo perso in Coppa Italia perché nel calcio si può perdere, ma non per farci buttare fuori. In Europa League sarà lo stesso”.

JURIC: “Abbiamo regalato subito un gol come è successo contro il Napoli, e sta succedendo spesso, dopo abbiamo fatto noi il gioco provandoci spesso. Non abbiamo concesso più niente però i regali si pagano e dunque è giusto che sia così. Mancano nove partite e dobbiamo entrare meglio in partita e avere più fame. In questo momento ci sono cose positive ma non siamo ancora abbastanza forti per pensare ad altre cose. Adesso siamo in zona grigia, ma va bene non essere più sotto, vogliamo fare qualcosa in più ma non abbiamo le capacità per riuscirci”.

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Articles

Serie A: 26^ giornata, le gare di domenica

Nella domenica della 26^ giornata la Juventus torna alla vittoria superando in...

Sassuolo: esonerato Alessio Dionisi

Il Sassuolo ha esonerato Alessio Dionisi, sulla panchina degli emiliani dal 2021....

Serie A: 26^ giornata, le gare di sabato

Scontri importanti in chiave salvezza in questo sabato della 26^ giornata di...

Serie A: 26^ giornata, l’anticipo di venerdì

Il 26^ turno di campionato si apre con l’anticipo del Dall’Ara dove...