mercoledì , 17 Aprile 2024
Home Rubriche Le interviste esclusive Esclusiva BTTFTV – Marco Ballotta: “Rosa Lazio non all’altezza”
Le interviste esclusivePrimo pianoSocial TVTutte le news

Esclusiva BTTFTV – Marco Ballotta: “Rosa Lazio non all’altezza”

Nel corso della trasmissione “Lunedì in Rete” – in onda su backtothefootballtv (Facebook, Youtube e Twitch) – è intervenuto Marco Ballotta, ex portiere della Lazio dello Scudetto e grande protagonista con la maglia del Parma.

MOMENTO LAZIONon mi aspettavo una partenza così difficile, anzi, credevo che quest’anno fosse un po’ l’anno del consolidamento di Sarri. E’ vero che c’è stato qualche infortunio a complicare la situazione, ma questo fa parte del gioco. Evidentemente la Lazio non ha una rosa così profonda e per una squadra che ormai punta a determinati livelli, questo non è possibile. Ho visto giocatori totalmente spaesati – prosegue Ballotta – ma è proprio tutto il complesso che non gira. L’assenza di Milinkovic? Sarà semplice dirlo, ma al momento la Lazio non ha giocatori che potevano cambiare la partita come era capace lui. Non è stato sostituito adeguatamente. I nuovi acquisti devono essere già pronti. Al massimo un giocatore solo può necessitare di un periodo di ambientamento, ma sembra che questo discorso interessi 2-3 calciatori. Sarri dovrebbe cambiare qualcosa dal punto tattico, deve trovare delle altre soluzioni. E’ chiaro che le cose non stanno andando nella giusta direzione. E’ una Lazio troppo prevedibile, anche perché si propongono sempre lo stesso modulo e lo stesso gioco.

LINEA TEMPORALE – Ballotta, da giocatore più longevo in Serie A e in Champions, a Francesco Camarda, calciatore più giovane a debuttare nel campionato italiano a soli 15 anni e 260 giorni – Gli auguro naturalmente di poter fare una grande carriera, ma andiamoci piano, è veramente troppo presto e lui è ancora un ragazzino. Di sicuro il Milan ha speso bene da un punto di vista mediatico il suo esordio, ma senza dubbio il ragazzo ha delle qualità visti anche i numeri con il settore giovanile. Deve mettersi in testa che si deve allenare tanto e devo dire che fisicamente mi ha fatto una buona impressione. E’ stato emozionante vedere i genitori commuoversi in tribuna, la famiglia per un calciatore è fondamentale. E a proposito di record, Camarda toglie il primato a Wisdow Amey, che esordì in Serie A con la maglia del Bologna, lanciato da Mihajlovic. Sinisa manca tanto come uomo. Ne abbiamo passate tante insieme. Ricordo a fine allenamento le punizioni che tirava… entravano praticamente tutte. Oltre ad Amey, fu quello che lanciò Donnarumma. Era fatto così, se vedeva qualcosa di speciale in qualche ragazzo gli dava un’opportunità.

Clicca QUI per vedere tutti i video di BTTFTV

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Articles

UCL: ritorno quarti, passano PSG e Borussia Dortmund

di Andrea Cesarini – Sarà Borussia Dortmund-PSG la prima semifinale di Champions...

Serie A: 32^ giornata, curiosità statistiche 

di Marco Schiacca – Nel programma della 32^ giornata del campionato di Serie...

Lazio: Felipe Anderson annuncia l’addio

Ora è ufficiale: si chiuderà a giugno la storia di Felipe Anderson...

Serie A: 32^ giornata, i posticipi di lunedì

Due i posticipi in programma nel lunedì del 32^ turno di Serie...