sabato , 24 Febbraio 2024
Home Primo piano UEL: Sheriff-Roma 1-2, la decide Lukaku
Primo pianoTutte le news

UEL: Sheriff-Roma 1-2, la decide Lukaku

Nell'altra gara successo dello Slavia Praga sul campo del Servette

Di Marco Schiacca – Nella prima giornata del gruppo G dell’Europa League edizione 2023-24, vincono entrambe le squadre impegnate in trasferta. La Roma si impone ai moldavi dello Sheriff per 2-1 con la rete decisiva segnata da Lukaku alla sua seconda realizzazione in due partite. A Ginevra lo Slavia Praga batte i padroni di casa del Servette con un gol per tempo senza troppe sofferenze. Nel prossimo turno che si giocherà il prossimo 5 ottobre, la Roma riceverà all’Olimpico il Servette mentre lo Slavia Praga riceverà la visita dello Sheriff.

Sheriff-Roma 1-2

La Roma fa il suo esordio in Europa League contro i moldavi dello Sheriff schierando una squadra con molte novità a partire dal portiere con Svilar al posto di Rui Patricio, la difesa è la stessa della gara contro l’Empoli, il centrocampo è un inedito con Aouar, Cristante, Renato Sanches con Zalewski e Karsdorp sugli esterni, davanti El Sharaawi e Lukaku.

Il primo tempo non ha offerto momenti di gran gioco, lo Sheriff in avvio ha provato a fare la partita ma con scarsi risultati, la Roma non ha fatto nulla per alzare i ritmi e ha cercato la manovra con qualche difficoltà a causa dal pressing dei padroni di casa. Con il passare dei minuti la squadra di Mourinho ha iniziato a cercare con più insistenza la profondità con palle su Lukaku con l’obbiettivo di far salire la squadra ma senza grossi risultati. Nella prima mezz’ora forse l’unica nota da sottolineare è stata l’uscita dal campo dopo 28 minuti di Renato Sanches, il portoghese ha accusato un problema fisico ed è stato sostituito da Paredes. Al 34° minuto la prima vera occasione da rete è dello Sheriff: cross di Talal, botta a colpo sicuro di Ngom Mbekeli che anticipa Karsdorp e prende il palo. La Roma reagisce con un paio conclusioni di El Shaarawi e nei minuti di recupero del primo tempo passa in vantaggio con una autorete di Gaby Kiki che spiazza il suo portiere deviando in modo maldestro una punizione calciata dalla trequarti da Paredes. 

Nella ripresa si riparte con ritmi decisamente blandi, lo Sheriff non riesce ad organizzare trame interessanti, la Roma non ha interesse ad alzare i ritmi. I giallorossi però sembrano fin troppo passivi, specie sul gol del pareggio dello Sheriff arrivato al 57° sugli sviluppi di un calcio da fermo. Palla in mezzo, difesa inspiegabilmente immobile e poco reattiva dopo un primo rimpallo tramutato poi in rete da Tovar che risolve la mischia. La reazione della squadra di Mourinho porta sempre il nome di El Shaarawi che spara di poco alto al minuto 60. Un minuto dopo Foti attua un triplo cambio, mette Bove per Aouar, Spinazzola per Zalewski e Dibala per El Shaarawi e raccoglie subito i frutti della sua decisione. È il 65° quando Dibala inventa, Cristante rifinisce di tacco e Lukaku di sinistro dopo un primo rimpallo batte Koval. Ci si aspetta la reazione dei padroni di casa che non arriva, la Roma inizia a palleggiare per togliere iniziativa allo Sheriff ma anche per gestire preziose energie in vista della gara di domenica sera con il Torino. La squadra giallorossa vive su qualche buono strappo di Spinazzola, sulla freschezza di Bove e la fantasia di Dybala. All’85° i giallorossi sfiorano il terzo gol con un bel diagonale di Belotti subentrato a Lukaku cinque minuti prima. Nei 7 minuti di recupero concessi dall’arbitro Treimanis la Roma nasconde la palla allo Sheriff, da registrare solo il “rosso” a Fernandes. Finisce 2-1 per la Roma dopo una prova non proprio brillante ma che regala ai giallorossi tre punti pesanti nella trasferta logisticamente più difficile. Seconda rete consecutiva per Lukaku sempre a segno nelle ultime 12 gare di Europa League.

Servette-Slavia Praga 0-2

Nell’altra gara del girone G, i ceki dello Slavia Praga portano via i tre punti dal campo degli svizzeri del Servette. Nel primo tempo si è vista una gara senza troppe emozioni con entrambe le squadre troppo prudenti. I minuti passano con una azione per parte senza però offrire conclusioni pericolose per entrambe i portieri. Alla prima vera occasione arriva il primo gol dello Slavia Praga quando il cronometro segna il 32°, lo segna Masopust che defilato sulla destra lascia partire un bel tiro che va a morire nell’angolino in basso alla sinistra del portiere svizzero Mall. 

Nella ripresa la gara non cambia, i ritmi rimangono blandi e il Servette non riesce mai a dare l’impressione di poter nuocere allo Slavia Praga. I primi dieci minuti passano nella noia più totale interrotta solo dal raddoppio degli ospiti che arriva al 58° con una conclusione aerea di Ogbu dal centro dell’area di rigore sull’assist di Zafeiris. I tentativi di riaprire la partita del Servette si limitano ai tentativi di Mazikou al 68°, di Bolla al 69° e Guillemenot al 74° tutti però vanificati dal portiere dello Slavia Mandous. Da li alla fine niente più da annotare, finisce con la vittoria dello Slavia Praga in trasferta proprio come quella della Roma.

Classifica gruppo G

Slavia Praga punti 3

Roma punti 3

Sheriff punti 0

Servette punti 0

    Leave a comment

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Related Articles

    Serie A: 26^ giornata, l’anticipo di venerdì

    Il 26^ turno di campionato si apre con l’anticipo del Dall’Ara dove...

    Lazio: ufficiale il rinnovo di Ivan Provedel

    La SS Lazio ha annunciato tramite un comunicato il rinnovo contrattuale per...

    Arbitri: curiosità sulle designazioni della 26^ giornata di Serie A

    di Marco Schiacca –  Il programma delle designazioni della 26^ giornata del campionato di Serie...

    Calcio stra-ordinario: il Clásico dell’Astillero

    di Andrea Iustulin – Appena si parla di calcio associandolo al Sud...