venerdì , 24 Maggio 2024
Home Primo piano La Liga: i risultati della 12^ giornata
Primo pianoTutte le news

La Liga: i risultati della 12^ giornata

Girona in testa, frena il Real con il Rayo

(La Liga 2023-2024)

di Edoardo Colletti – Dopo dodici turni di Liga il Girona è primo in solitaria. Il successo con l’Osasuna regala il primato in classifica ai catalani in virtù del pari tra Real Madrid e Rayo. Sale il Barça che passa all’ultimo respiro contro la Sociedad, perde l’Atlético. È bagarre in zona Europa, con 5 club in 3 punti. Risorgono Bilbao e Betis, entrano in corsa Valencia e Las Palmas.

Las Palmas-Atletico Madrid 2-1

Il dodicesimo turno di Liga si apre con la sorprendente battuta d’arresto dei Colchoneros contro il Las Palmas. Nel primo tempo sono da registrare solamente due occasioni per l’Atlèti, una pericolosa di Riquelme neutralizzata da Valles. Succede tutto nella ripresa, il vantaggio arriva al 51’ ad opera di Kirian Rodríguez con un rasoterra da fuori area che non lascia scampo ad Oblak. Gli ospiti accennano una reazione, ma al 75’ Benito trova il raddoppio con un mancino sul primo palo dal lato sinistro dell’area di rigore. Al minuto 83 il gol di Morata riaccende le speranze degli uomini di Simeone che al 90’ non trovano il pari per questione di centimetri. Barrios calcia forte da fuori, Valles respinge male e Morata calcia a porta sguarnita da posizione defilata: il pallone tocca la parte inferiore della traversa e sfila clamorosamente sull’esterno. Termina 2-1 per la squadra di casa, momento d’ora per la neopromossa che affonda anche l’Atlético, fin qui inarrestabile.

Osasuna-Girona 2-4

Quando gioca il Girona le reti fioccano, quarto successo consecutivo e dieci gol segnati per i catalani. A farne le spese questa volta è l’Osasuna, travolta 2-4 in casa dalla squadra di Michel. Passano avanti gli ospiti al 16’ con Martín in contropiede, pareggia Budimir da due passi 9’ dopo. Nella ripresa il croato fa doppietta al 55’ di testa e sembra indirizzare la gara, ma negli ultimi 19’ si scatena il Girona. Il solito Dovbyk riequilibra al 71’, poi al minuto 80 un errore difensivo dell’Osasuna spalanca la strada al connazionale Tsygankov che appoggia in rete per il 2-3. La rimonta è completa ed a mettere la ciliegina sulla torta è lo splendido destro al volo di García (90’) in area di rigore. Il Girona vince ancora e vola in testa al campionato.

Real Betis-Mallorca 2-0

Prosegue il periodo positivo del Betis con la vittoria casalinga per 2-0 su un Mallorca che non sa più vincere. Una rete per tempo in un match dominato dagli andalusi. Apre Willian José al 7’ con un ottimo inserimento da predatore d’area di rigore, poi Mascarell nel finale di primo tempo lascia in dieci uomini gli ospiti per doppia ammonizione. Al 65’ è l’ennesimo pase de la muerte di Isco a pescare in area di rigore Ayoze Pérez, freddo nel battere il portiere avversario con il destro. Crolla ancora il Mallorca che scivola ad quart’ultimo posto. Sale a 20 punti in sesta posizione, in piena corsa Europa, il Betis di Pellegrini.

Celta Vigo-Sevilla 1-1

Quarto pareggio consecutivo per il Sevilla di Diego Alonso. A Balaídos i Rojiblancos faticano tremendamente contro un Celta alla ricerca di punti salvezza. Gli uomini di Benítez partono meglio sfiorando prima il gol con Larsen e trovandolo, al 22’ con il colpo di testa di Starfelt da calcio piazzato. La gara è apertissima, Villar interviene due volte nei primi 45’ su Ocampos di testa e sulla punizione di Gudelj, ma è nella ripresa che si verifica l’esposizione che cambia la gara. Un intervento sconsiderato di Tapia costa il rosso al peruviano al 65’: di lì in poi è assalto Sevilla. En-Nesyri colpisce il palo da corner di testa al 79’, poi pareggia a 6’ dal 90’ con il destro in area. Nel recupero Rakitić e Pedrosa sprecano malamente due grosse chance per il sorpasso, al fischio finale il risultato è di 1-1.

Real Sociedad-Barcellona 0-1

Rialza la testa il Barcellona dopo la rimonta subita nel Clásico e lo fa battendo la Real Sociedad in trasferta. L’inizio di gara è shock per i blaugrana: tre occasioni nei primi 3’ di gioco per la Real con Barrenetxea, Oyarzabal e Merino, tutti ad un passo dal gol dell’1-0. Al 16’ il piede destro di Ter Stegen salva sulla conclusione di Kubo un Barça in balia degli avversari. Il copione è lo stesso per tutto il primo tempo ed anche durante la ripresa, quando al minuto 70 l’estremo difensore dei catalani deve tuffarsi sul destro a giro da fuori di Barrenetxea e deviare in angolo. Il primo tiro nello specchio della porta degli uomini di Xavi è di Araujo al 90’, una botta da fuori forte e centrale respinta da Remiro. Due minuti dopo è proprio il centrale uruguayano a siglare il match point più tardi per il Barcellona: cross geniale di Gündogan dalla trequarti per la testa del difensore che s’inserisce coi tempi giusti e regala i tre punti ai catalani. Beffata la Sociedad che frena ancora dopo il pari con il Rayo, successo fondamentale per il Barça in chiave titolo.

Alaves-Almeria 1-0

Vede la luce l’Alavés, i Babazorros ritrovano un successo in campionato che mancava dalla quarta giornata con l’1-0 inflitto al Valencia. Contro l’Almería il risultato è lo stesso ed arriva dopo non poche occasioni di gol. Nel primo tempo si esalta Antonio Blanco, centrocampista di proprietà Del Real Madrid, che va vicino al vantaggio per ben tre volte: i primi due tentativi finiscono alti sopra la traversa, la terza conclusione arriva da fuori area al 41’ e viene deviata in volo da Maximiano. La chance più grande per l’1-0 però è del figlio d’arte Ianis Hagi. Il romeno conquista e fallisce un calcio di rigore al tramonto del primo tempo. Nei secondi 45’ la musica non cambia, è la squadra di casa a fare la partita ed il gol vittoria arriva al minuto 79, quando Sedlar è il più rapido di tutti ad avventarsi su un pallone mal respinto dalla difesa ospite ed a scaraventarlo in rete. Tre punti d’oro per gli uomini di Luís García in ottica salvezza, resta all’ultimo posto l’Almería.

Valencia-Granada 1-0

Passa di misura anche il Valencia contro il Granada, secondo successo in casa nelle ultime tre gare di Liga, entrambi con clean sheet annesso. Il primo tempo è tutto a tinte blanquinegres, con i padroni di casa pericolosi in due occasioni con il canterano Javi Guerra, poco preciso da dentro e fuori area con il destro. Nel lunghissimo recupero concesso dall’arbitro, i padroni di casa si portano in vantaggio grazie al penalty conquistato da Hugo Duro e trasformato dallo specialista Pepelu (45’+7’). Canós sfiora il raddoppio nella ripresa, trovando Ferreira attento sul suo destro da posizione ravvicinata. I valenciani non trovano il colpo del KO, ma amministrano bene il vantaggio e chiudono con un successo che li porta a quota 18 punti in corsa per un posto nelle coppe europee.

Villarreal-Athletic Bilbao 2-3

Colpo grosso in a la Cerámica del Bilbao in un match spettacolare contro il Villarreal. La partenza dei baschi è fortissima, il Submarino Amarillo viene schiantato subito nel primo tempo. La sblocca dopo appena 2’ Ruiz de Galarreta con un gol capolavoro, un destro dal limite dell’area che viaggia diretto sotto l’incrocio dei pali. Moreno e compagni reagiscono, Sorloth può pareggiare al 18’, ma si divora l’1-1 calciando fuori con un pallonetto a tu per tu con Simón. Il Bilbao risponde 4’ dopo con Nico Williams che recupera sulla trequarti avversaria, triangola con Sancet ed appoggia in rete per il 2-0. Il terzo gol è del fratello di Nico, Iñaki: suo il destro dal limite che batte Jorgensen al 30’. Nella ripresa la squadra di casa viaggia a ritmi diversi, Sorloth e Baena trovano un super Unai Simó davanti e loro a negargli con due miracoli la possibilità di riaprire il match. Le reti di Moreno e Sorloth nel giro di un minuto (86’, 87’) sembrano riaprire a sorpresa il match, ma la squadra di casa entra troppo tardi in gara e non riesce a recuperare lo svantaggio. I tre punti vanno all’Athletic, ora quinto a quattro punti dal quarto posto, bloccato ancora a metà classifica il Villarreal.

Real Madrid-Rayo Vallecano 0-0

Il Rayo si conferma bestia nera Del Real Madrid, al Bernabéu i Blancos non vanno oltre lo 0-0 contro Francisco ed i suoi giocatori. Il protagonista assoluto di serata è il portiere ospite Dimitrievski, autore di due interventi monstre su l’uno contro uno con Valverde al 6’ e sul mancino di Joselu in area al 39’. Nel secondo tempo Vinicius vede annullarsi il gol del vantaggio per offside del l’assist man Joselu, mentre il destro ad incrociare di Rodrygo sfila di pochissimo lontano dalla porta del Rayo. Termina a reti bianche la sfida, il Real frena e viene sorpassato dal Girona al primo posto. Punto d’oro per il Rayo che resta a -2 dal sesto posto.

Getafe-Cadice 1-0

La dodicesima giornata di Liga si chiude con il ritrovato successo in campionato del Getafe dopo cinque pari di fila contro il Cadice. Il primo tempo è da incubo per gli Azulones: al 10’ Navarro colpisce la traversa di testa da corner, mentre Soria deve opporsi con il piede destro al tiro in area di rigore di Chris Ramos al minuto 40. Inoltre, a tempo scaduto, Djené guadagna il secondo giallo della sua partita e si fa espellere, complicando ancor di più la gara per la squadra di casa. Il Getafe non si scompone ed al 76’ trova il gol vittoria firmato Borja Mayoral. L’ex Roma viene lasciato solo dalla difesa ospite su corner e sfrutta perfettamente la sponda di Greenwood, mettendo in rete di testa il gol dell’1-0. L’undici di Bordalás rischia addirittura di raddoppiare, ma Ledesma è fenomenale nel neutralizzare il destro a botta sicura di Maksimovic nel finale. Vittoria di misura per i madrileni che salgono a quota 15 punti.

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Articles

Calcio stra-ordinario: l’Atle-Tiba di Curitiba

di Andrea Iustulin – L’Atle-Tiba, noto anche come Atletiba o Athletiba, è...

Serie A: 38^ turno, l’anticipo di giovedì

di Gianluca Stanzione – Nell’anticipo della 38^ giornata, la Fiorentina passa 3-2...

Euro 2024: Italia, i preconvocati di Spalletti

Il ct azzurro Luciano Spalletti ha comunicato la lista dei 30 preconvocati...

Bologna: ufficiale, Thiago Motta lascia

Il Bologna ha annunciato che Thiago Motta ha deciso di non rinnovare...