giovedì , 13 Giugno 2024
Home Primo piano Serie A: la Roma perde 3-4 col Sassuolo e manca l’aggancio al secondo posto
Primo pianoTutte le news

Serie A: la Roma perde 3-4 col Sassuolo e manca l’aggancio al secondo posto

Kumbulla, espulso da un contestatissimo Fabbri, salterà il derby

di Andrea Cesarini – La Roma manca ancora una volta l’aggancio al secondo posto in classifica perdendo 3-4 con il Sassuolo al termine di una gara rocambolesca. Kumbulla, espulso alla fine del primo tempo da un contestatissimo Fabbri, sarà squalificato dal Giudice Sportivo e non ci sarà nel match contro la Lazio di domenica prossima.

La partita

Roma in campo con il 352. Mourinho, squalificato per le note vicende, sceglie di non correre rischi in vista del derby e tiene fuori Mancini diffidato. Al suo posto Kumbulla. Spinazzola e Zalesky larghi sulle fasce, Bove al posto dell’infortunato Pellegrini e la coppia d’attacco El Shaarawy Abraham completano l’undici giallorosso.

Il Sassuolo risponde con il consueto 433 di Dionisi, con il ritorno al centro dell’attacco di Andrea Pinamonti.

La Roma comincia forte. Subito al 2’ grande occasione: lancio di Matic, controllo e tiro di Wijnaldum che termina tra le braccia di Consigli. Al 6’ altro lancio di Zalesky dalla trequarti offensiva, stop di petto e tiro al volo di Abraham fuori di poco.

Quando l’orologio segna il 12’, a sorpresa, passa il Sassuolo. Errore di Bove a centrocampo, la palla arriva a Frattesi che prova un tiro ribattuto da Smalling, carambola tra i piedi di Berardi che calcia. La risposta di Rui Patricio finisce sui piedi di Laurienté che insacca a porta vuota.

I giallorossi accusano il colpo e subiscono il raddoppio al 18’. Grande azione sulla destra di Berardi che supera con troppa facilità Spinazzola, palla in mezzo dal fondo e ancora Laurienté tutto solo batte ancora Rui Patricio.

La Roma non molla e al 25’ accorcia con Zalesky. Da esterno a esterno, cross di Spinazzola, nell’unica cosa positiva della sua partita, e tiro al volo del polacco. La palla tocca terra e supera un’immobile Consigli. Palla al centro e altra occasione per la Roma. Zalesky la mette in mezzo per il colpo di testa di Wijnaldum fuori di poco.

I ragazzi di Mourinho tirano il fiato e il Sassuolo ne approfitta. Al 40’ contropiede dei neroverdi con un tiro di Pinamonti che costringe Rui Patricio a un grande intervento.

Al 46’ la follia di Kumbulla. Con la palla tra le braccia di Rui Patricio, l’albanese colpisce con un calcio Berardi già a terra. Fabbri viene richiamato al VAR e decreta l’espulsione del difensore e il rigore per il Sassuolo. Berardi è freddo e trasforma spiazzando il numero uno giallorosso.

Tra i fischi dell’Olimpico per l’arbitro Fabbri la prima frazione si chiude 1-3.

Nell’intervallo Mourinho ridisegna la Roma. Dybala in campo per Bove e Karsdorp prende il posto di uno spento Spinazzola. Nessuna modifica per Dionisi. Al 50’ la Roma accorcia di nuovo le distanze con un gran sinistro di Dybala sul secondo palo dopo l’assist di El Shaarawy.

Nemmeno il tempo di esultare e Berardi spaventa Rui Patricio con un gran tiro che si infrange sulla traversa con il portiere portoghese battuto. Al 55’ si rivede Camara che prende il posto di Matic appena ammonito dopo un fallo inesistente.

I giallorossi provano generosamente a cercare il pareggio collezionando calci d’angolo, ma l’inferiorità numerica comincia a farsi sentire e in alcuni elementi affiora la stanchezza visto la gara di coppa giocata giovedì contro la Real Sociedad.

Al 75’ l’episodio che chiude la partita. Tutto troppo facile per Laurienté che lavora un pallone sulla trequarti giallorossa, tocco per Pinamonti che batte Rui Patricio in uscita: 2-4.

Gli ultimi minuti passano in attesa del fischio finale, da segnalare l’esordio di Jordan Majchrzak, attaccante polacco classe 2004 sul quale Mourinho ha speso in passato parole d’elogio.

Il gol al 95’ di Wijnaldum è buono per gli almanacchi ma non lenisce l’amarezza dei giallorossi per la grande occasione persa.

Il tabellino

Roma –Sassuolo 4-3

Roma (3-4-2-1): Rui Patricio; Kumbulla, Smalling, Ibanez; Zalewski (32′ st Volpato), Bove (1′ st Dybala), Matic (10′ st Camara), Spinazzola (1′ st Karsdorp); Wijnaldum, El Shaarawy; Abraham (32′ st Majchrzak). A disp.: Boer, Svilar, Celik, Mancini, Keramitsis, Tahirovic, Pisilli. All.: Mourinho (in panchina Foti)

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Toljan, Ferrari, Ruan (19′ st Erlic), Rogerio; Frattesi, Lopez (19′ st Obiang), Henrique; Berardi (31′ st Bajrami), Pinamonti, Laurienté (31′ st Defrel). A disp.: Pegolo, Russo, Marchizza, Romagna, Zortea, Harroui, Thorstvedt, Alvarez, Ceide, Defrel. All.: Dionisi

Arbitro: Fabbri

Marcatori: 13′ Laurienté (S), 18′ Laurienté (S), 26′ Zalewski (R), 49′ rig. Berardi (S), 5′ st Dybala (R), 30′ st Pinamonti (S), 49′ st Wijnaldum (R)

Ammoniti: Smalling, Matic, Ibanez (R), Lopez, Ruan (S)

Espulsi: 47′ Kumbulla (R)

Le dichiarazioni post partita

La Roma è in silenzio stampa per protesta dopo il caso Serra e la squalifica di Mourinho.

DIONISI – Soddisfatto il tecnico del sassuolo: “Stiamo facendo qualcosa di straordinario. Merito dei ragazzi, sono molto contento per loro. Peccato per il gol preso nel finale, poteva finire 2-4. Solo poco tempo fa rispondevo a domande sul Sassuolo che perdeva sempre in trasferta, ora siamo più consapevoli. Ci alleniamo forte. Oggi potevamo gestire meglio alcune situazione ma ci sta. Laurieté sta migliorando, sta imparando la lingua. E’ un giocatore che si prende delle pause ma nell’uno contro uno è incredibile. Ricorda Boga ma con un tiro più efficace

PINAMONTI: “E’ stata una partita molto sofferta ma abbiamo meritato la vittoria. La Roma mi porta bene, le ho segnato all’andata e al ritorno. In Serie A bisogna essere sempre concentrati e noi siamo migliorati tantissimo in questo senso. Fino a un mese e mezzo fa eravamo spacciati, abbiamo preso tante critiche, ora ci godiamo questo monento. Giocare con Laurienté e Berardi è più facile”.

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Articles

Allenatori: Milan, Ibra annuncia Fonseca

Paulo Fonseca è il nuovo allenatore del Milan, lo ha annunciato Zlatan Ibrahimovic nel...

Allenatori: Verona, arriva Paolo Zanetti

E’ Paolo Zanetti il nuovo allenatore dell’Hellas Verona, lo ha annunciato il...

Allenatori: Juventus, ecco Thiago Motta

Ora è ufficiale: Thiago Motta è il nuovo allenatore della Juventus. L’ex...

Allenatori: Monza, ufficializzato Nesta

Alessandro Nesta è il nuovo allenatore del Monza. E’ l’ex difensore del...