giovedì , 13 Giugno 2024
Home Primo piano UEL: 4-1 al Feyenoord, Roma alla terza semifinale consecutiva
Primo pianoTutte le news

UEL: 4-1 al Feyenoord, Roma alla terza semifinale consecutiva

Giallorossi sfideranno il Bayer Leverkusen

di Andrea Cesarini – Dopo la sconfitta patita nella gara d’andata, una Roma generosa e determinata batte il Feyenoord 4-1 nei tempi supplementari dopo aver chiuso i tempi regolamentari sul 2-1. I gol di Spinazzola, Dybala, El Shaarawy e Pellegrini regalano ai giallorossi la doppia sfida con il Bayer Leverkusen.

La partita

Roma in campo con il consueto 3-4-2-1 ma scelte sorprendenti per Mourinho che tiene inizialmente in panchina Ibanez, Dybala e Abraham preferendo Llorente, Wijnaldum e Belotti.

Slot risponde con il 4-3-3, Jahanbakhsh, Gimenez e idrissi trio d’attacco.

La Roma parte forte e già al 3’ Belotti pesca Pellegrini al limite dell’area che impegna Bijow costringendolo in angolo. Al 6’ grande occasione per Cristante pescato in area da una palla morbida di Matic, ma la girata del centrocampista friulano sfiora il palo e termina sul fondo. Scampato il pericolo gli olandesi si riorganizzano e creano un pericolo per la porta giallorossa. Rui Patricio è reattivo al 12’ sul tiro ravvicinato di Szymanski. Pochi minuti dopo un tiro dai 25 metri di Hartman mette i brividi ai quasi 70.000 dell’Olimpico.
Al 20’ Wijnaldum accusa un problema muscolare ed è costretto a lasciare il campo, al suo posto El Sharaawy. Cresce il Feyenoord e al 28’ Smalling devia in corner una conclusione destinata all’angolino basso. Dopo un inizio promettente la Roma va in sofferenza e lascia troppo campo alle iniziative degli ospiti. Sale il nervosismo e al 32′ Salvatore Foti, il vice di Mourinho, viene espulso per una manata a Gimenez, finito fuori dal campo vicino alla panchina giallorossa.
Il tempo si chiude con qualche rimpianto per il Feyenoord che, dopo i primi 10’, ha fatto sicuramente qualcosa più della Roma.

La ripresa si apre ancora con la Roma in attacco, dopo 20 secondi Pellegrini colpisce il palo con una deviazione sotto misura. I giallorossi alzano il pressing ma gli olandesi sono bravi a eluderlo con uscite palla a terra che aprono spazi per ripartenze pericolose.
Vantaggio della Roma al 60’: Spinazzola raccoglie la palla che esce da una serie di rimpalli in area e con un sinistro sporco insacca alla sinistra del portiere olandese. Al 70’ clamorosa occasione per Mancini che su azione d’angolo non riesce a deviare in porta da pochi passi.

Al 78’ tegola Smalling. Il difensore inglese accusa un problema al flessore e deve uscire dal campo, al suo posto Celik. Passano pochi secondi e arriva il pareggio del Feyenoord con un gran colpo di testa di Paixao lasciato solo al centro dell’area di rigore.

La Roma non ci sta e si butta generosamente in avanti alla ricerca del gol che la porterebbe ai supplementari. Lo sforzo viene premiato da un capolavoro di Dybala che all’ultimo minuto raccoglie un tocco di Pellegrini e batte in girata il portiere del Feyenoord. Il campione argentino aveva già segnato un gol identico, nella stessa porta e allo stesso minuto, contro la Lazio quando indossava la maglia della Juventus. Si va ai supplementari.

I supplementari

Il primo tempo è ricco di occasioni: il Feyenoord parte meglio e al 3’ Gimenez si divora il gol a pochi metri da Rui Patricio. Al 6’ Dybala impegna il portiere Bijow. Sull’angolo seguente Ibanez di testa colpisce l’ennesimo palo della stagione della Roma, sulla respinta Abraham non riesce a ribadire in porta.
Al 10’ ripartenza letale della Roma, Pellegrini pesca Abraham sulla fascia, palla tesa al centro dove l’accorrente El Shaarawy con la punta del piede fa 3-1.

Il secondo tempo supplementare si apre con l’ingresso di Kumbulla per lo stremato El Shaarawy. Al 9’ il gol qualificazione. Dybala pesca sul filo del fuorigioco Abraham che si fa respingere la conclusione dal portiere, sulla ribattuta il più lesto è capitan Pellegrini che ribatte in rete per il 4-1 finale. Inizia la festa dell’Olimpico che coinvolge anche Mourinho che esalta i tifosi alle sue spalle.
Rimane il tempo solo per l’espulsione di Gimenez per un entrataccia pericolosa ai danni di Mancini e per il fischio finale.

La Roma è per il terzo anno consecutivo in una semifinale europea dove incontrerà il Bayer Leverkusen.

Il tabellino

ROMA-FEYENOORD 4-1

ROMA (3-4-2-1): Rui Patricio; Mancini, Llorente (72′ Ibanez), Smalling (78′ Celik); Zalewski (73′ Dybala), Cristante, Matic, Spinazzola; Wijnaldum (21′ El Shaarawy, 106′ Kumbulla), Pellegrini; Belotti (73′ Abraham). Allenatore: Mourinho. A disposizione: Boer, Svilar, Camara, Bove, Volpato, Tahirovic.

FEYENOORD (4-3-3): Bijlow; Geertruida, Hancko, Trauner, Hartman; Szymanski (91′ Pedersen), Wieffer, Kocku; Jahanbakhsh (74′ Danilo), Gimenez, Idrissi (64′ Paixao). Allenatore: Slot. A disposizione: Marciano, Wellenreuther, Rasmussen, Dilrosun, Lopez, Taabouni, Kasanwirjo, Bullaude, Milambo.

MARCATORI: 60′ Spinazzola (R), 81′ Igor Paixao (F), 89′ Dybala (R), 101′ El Shaarawy (R), 109′ Pellegrini (R)

AMMONITI: Hartman (F), Gimenez (F), Llorente (R), 108′ Dybala (R)

ESPULSO: Gimenez (F)

Le dichiarazioni post partita

MOURINHOAbbiamo giocato benissimo una partita difficile da giocare e da gestire. La situazione Dybala non ha aiutato a preparare la partita come l’infortunio di Wijnaldum che mi mangia un cambio. Abbiamo giocato con concentrazione e con coraggio contro un’ottima squadra ma noi siamo stati superiori. Avevo avvisato i giocatori che non sarebbe stata facile e di usare testa e tranquillità. Sono equilibrato, sono in una fase di carriera in cui giocatori e tifosi sono più importanti di me. Cerco di dare gioia ai tifosi e la possibilità di crescere ai giocatori. Sono molto orgoglioso del lavoro che sto facendo. Siamo una famiglia, non sono mai arrabbiato con loro nemmeno quando si perde. Ora dobbiamo riposare e pensare alla partita di Bergamo. Dybala cercava la gioia persa e l’ha trovata qui. Ha trovato un allenatore che lo capisce e un pubblico che lo ama. Ha trovato uno spazio per la sua personalità”.

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Articles

Allenatori: Milan, Ibra annuncia Fonseca

Paulo Fonseca è il nuovo allenatore del Milan, lo ha annunciato Zlatan Ibrahimovic nel...

Allenatori: Verona, arriva Paolo Zanetti

E’ Paolo Zanetti il nuovo allenatore dell’Hellas Verona, lo ha annunciato il...

Udinese: Inler è il nuovo direttore tecnico

di Gianluca Stanzione – Dopo aver risolto contrattualmente il rapporto con Federico...

Allenatori: Juventus, ecco Thiago Motta

Ora è ufficiale: Thiago Motta è il nuovo allenatore della Juventus. L’ex...