giovedì , 22 Febbraio 2024
Home Primo piano Serie A: il Milan vince 3-1, Verona allo spareggio con lo Spezia
Primo pianoTutte le news

Serie A: il Milan vince 3-1, Verona allo spareggio con lo Spezia

Nel dopo partita emozioni e commozione per l’addio al calcio di Ibra

di Francesco Auletta – I rossoneri di Pioli chiudono la stagione con una vittoria, Hellas Verona e Spezia si scontreranno per lo spareggio salvezza dopo le sconfitte di stasera.
Nell’ultima partita di Zlatan Ibrahimovic a San Siro, Leao condanna il Verona allo spareggio salvezza firmanado una doppietta in sei minuti. Una montagna russa di emozioni per l’Hellas durante e dopo la partita, collegati al match dell’Olimpico tra Roma e Spezia. Il gol su rigore di Dybala regala l’ultima chance salvezza al Verona: verdetto retrocessione rimandato allo spareggio contro i liguri.  Il dopo partita è tutto per l’emozionante addio al calcio di Ibra.

La partita

Nel primo tempo prevale il possesso palla (83%) e la manovra dei padroni di casa risultati però poco precisi sotto porta: solo due le conclusioni nello specchio sugli otto tiri tentati.

Il vantaggio rossonero arriva nel finale di tempo sul rigore, procurato da Brahim Diaz concesso da Valeri dopo un on field review: se ne incarica Giroud e segna il gol numero 13 in campionato.

La ripresa riparte con un’occasione Milan con Theo Hernandez che crossa basso e teso per Giroud. Provvidenziale la chiusura del giovane Sulemana sull’attaccante francese. Al minuto 55 si accende la squadra ospite, prima con un’azione manovrata partita dalla sinistra che arriva al limite dell’area sui piedi di Miguel Veloso. Il numero 4 lascia partire un tiro che sibila alla destra del palo. Sessanta secondi dopo, Giroud perde palla nella sua metà campo, ne approfitta il Verona con Ngonge che si invola in solitaria verso Maignan, grande parata fuori area del numero 16 rossonero.

Al 62′ altra occasione gialloblu costruita ancora da Ngonge (il migliore dei suoi) che supera con una finta Tomori sul vertice destro dell’area di rigore rossonera, calcia sull’esterno della rete. Al 72′ arriva il pareggio del Verona: rimessa laterale di Depaoli che serve Lazovic, cross pennellato per Faraoni che di testa insacca. Nel momento migliore degli ospiti Rafael Leao trova spazio sulla trequarti avversaria, effettua uno dei suoi scatti brucianti che taglia in verticale la difesa veneta, esplode un tiro da fuori area che si insacca alle spalle di Montipò. Al minuto 91′ ancora il portoghese chiude la pratica segnando il 3-1suoerando con una finta il porrtiere gialloblu e regalando il terzo gol al Milan.

Dopo il fischio finale di Valeri si è disputata una partita fuori dal campo, i giocatori e lo staff del Verona in panchina hanno aspettato il triplice fischio di Roma-Spezia sperando nello spareggio salvezza contro i liguri. Così sarà, perché i liguri subiscono la rimonta della Roma. Festa invece in casa Milan per il saluto a Zlatan Ibrahimovic, ovazioni e applausi da parti di colleghi e tifosi per l’attaccante svedese.

Il tabellino

Milan – Verona 3-1

Milan (4-2-3-1): Maignan (89′ Mirante); Calabria (84′ Florenzi), Thiaw, Tomori, T. Hernandez,Tonali, Krunic (71′ Pobega), Messias (84′ Saelemaekers), Brahim Diaz (71′ De Ketelaere), Leao, Giroud. A disposizione: Mirante; Tatarusanu, Ballo-Toure, Florenzi‎, Gabbia, Kalulu, Kjaer, Adli, Bakayoko, Pobega‎, Saelemaekers, Vranckx, De Ketelaere, Origi. Allenatore: Pioli

Verona (3-5-2): Montipò; Magnani, Hien, Cabal (85′ Dawidowicz), Faraoni, Tameze, Veloso (59′  Lazovic), Sulemana (85′ Abildgaard), Depaoli, Ngonge (78′ Gaich), Djuric (59′ Verdi). A disposizione: Berardi, Perilli, Ceccherini, Coppola, Dawidowicz, Doig, Zeefuik, Abildgaard, Hrustic, Lazovic, Terracciano, Verdi, Braaf, Gaich, Kallon. Allenatore: Zaffaroni

Arbitro: Paolo Valeri
Marcatori: 45+1′ (Rig.) Giroud (M), 72′ Faraoni (V), 85′ Leao (M), 90+1′ Leao (M).
Ammoniti: 49′ Magnani (V), 60′ Sulemana (V), 61′ Cabal (V), 77′ Depaoli (V), 89′ Theo Hernandez (M)

Le dichiarazioni post partita

PIOLI – Ibra è un campione, sono molto triste perché non lo potrò più allenare. È un grande calciatore, una persona intelligentissima, non è stato facile. Eravamo tutti commossi. Non ci aveva annunciato del tutto le sue intenzioni, è un grandissimo campione e lo ha dimostrato in tutte le fasi della sua carriera. Fino a ieri è stato il primo ad arrivare a Milanello e l’ultimo ad andarsene. E questo fa la differenza. Non sarà facile senza di lui.”

ZAFFARONI – La prestazione di oggi è confortante, siamo venuti fuori bene nel secondo tempo. Eravamo in parità a 5 minuti dalla fine e ci stavamo giocando la partita contro una squadra fortissima. Ora però si azzera tutto. Giocavamo contro il Milan, che ha vinto lo Scudetto l’anno scorso e che è arrivata in semifinale di Champions; c’erano tutti i titolari e tutti motivati. Bisogna accettarlo. Il rammarico è aver preso gol a fine primo tempo. Nel secondo tempo siamo venuti fuori, abbiamo creato opportunità e siamo riusciti a raggiungere il pareggio. Lo spareggio? Verdetto che va accettato. Abbiamo fatto una grande rincorsa, recuperando tantissimi punti. Sarebbe stata la ciliegina sulla torta concluderlo oggi. Ci vogliamo preparare bene a questa gara per coronare la rincorsa“.

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Articles

UEL: playoff ritorno, Rennes-Milan 3-2 ma passano i rossoneri

di Simone Palma – La partita Allo stadio Roazhon Park Il Milan,...

UCL: Napoli-Barcellona 1-1, Osimhen risponde a Lewandowski

Esordio da brivido per Francesco Calzona che si siede per la prima...

UCL: Porto-Arsenal 1-0, Galeno risolve al 94′

di Gianluca Stanzione – All’Estadio do Dragào, il Porto di Sergio Conceicao...

Aia: gli arbitri della 26^ giornata di Serie A

L’AIA ha reso note le designazioni arbitrali per la 26^ giornata di...