giovedì , 22 Febbraio 2024
Home Primo piano Serie A: 2-2 al Ferraris tra Samp e Sassuolo
Primo pianoTutte le news

Serie A: 2-2 al Ferraris tra Samp e Sassuolo

All’88 tributo del Ferraris a Fabio Quagliarella

Finisce 2-2 l’anticipo della 37 giornata tra Sampdoria e Sassuolo, una partita che aveva poca importanza per la classifica ma che entrambe le squadre, per motivi diversi, avrebbero voluto vincere. All’88 tributo del Ferraris a Fabio Quagliarella che si commuove.

Prima della gara un corteo tifosi doriani aveva sfilato dalla sede di Corte Lambruschini fino a dentro lo stadio in segno di protesta dopo l’assemblea degli azionisti di oggi andata deserta. Cori contro Massimo Ferrero e contro l’ex patron Garrone. Molti tifosi indossavano le maglie con l’ormai celebre scritta ‘Giù le mani dalla Samp’ che saranno messe in vendita per raccogliere fondi a favore della popolazione dell’Emilia Romagna.

La partita

Stankovic presenta il consueto 3-4-1-2: in porta la novità Turk per Ravaglia, Amione sostituisce lo squalificato Gunter nel pacchetto difensivo, Leris agisce alle spalle della coppia d’attacco Quagliarella-Gabbiadini. 4-3-3 per il Sassuolo: out Frattesi, in mezzo al campo Dionisi sceglie Thorstvedt, Obiang ed Henrique; in attacco Pinamonti è supportato da Berardi e Ceide.

L’avvio di gara è scoppiettante, soprattutto per la Samp che parte forte e si rende subito pericolosa. All’8’ passano i doriani con Gabbiadini su una clamorosa dormita di Ferrari, neanche il tempo di festeggiare e prima Berardi servito da Ceide e poi Henrique ribaltano la situazione. Tre gol in meno di tre minuti.

La Samp incassa e sbanda e l’undici di Dionisi sfiora addirittura il 3-0 con Pinamonti su cui è attento Turku, poi ancora con Ceide che spedisce al lato. Sul finire di tempo la partita si riaccende e l’occasione più nitida è quella di Berardi che però finisce sulla traversa.

Nella ripresa Stankovic lascia negli spogliatoi Nuytinck e Amione e manda in campo Paoletti e Murru mentre Dionisi sostituisce Thorstvedt ammonito con Harroui. I cambi doriani non sortiscono effetti e gli emiliani collezionano un buon numero di occasioni per il terzo gol. Al 57’ Ceide spara alto un invito di Berardi in serata di grazia; 7 minuti più tardi ci prova Zortea ma il  numero 1 doriano para a terra; poi è ancora Berardi a imbeccare Pinamonti che spreca. La Samp regge l’urto e si rivede dalle parti di Consigli al 75’ con Augello pescato in area da Gabbiadini. Al 78’ i blucerchiati trovano il pari sugli sviluppi di un calcio d’angolo che trova la sfortunata deviazione nella propria porta di Erlic. Prima del fischio finale, c’è ancora spazio per due fiammate del Sassuolo una di Maxime Lopez, l’altra di Defrel, che esaltano Turk che blinda il 2-2. All’88 minuto Stankovic richiama in panchina Fabio Quagliarella per concedergli la passerella che sa di addio. Il Ferraris commuove e si commuove così come l’attaccante che scoppia in lacrime al momento del tributo dell’intero stadio e degli avversari.

A fine partita l’attaccante napoletano chiarirà meglio il senso di quel saluto: “Raccontare tutte le emozioni è difficile, non saprei trovare le parole. Posso solo ringraziare questo pubblico eccezionale. Li ho salutati perché è l’ultima in Serie A in casa per me. Se la prossima società ha bisogno di Quagliarella in campo io ci sono. Voglio riportare questa gente in questa categoria“.

Per la Sampdoria ora inizia la partita più importante per evitare il fallimento.

Il tabellino

Sampdoria – Sassuolo 2-2

Sampdoria (3-4-1-2): Turk; Oikonomou (23′ st Murillo), Nuytinck (1′ st Paoletti), Amione (1′ st Murru); Zanoli, Winks, Rincon (16′ st Ilkhan), Augello; Leris; Gabbiadini, Quagliarella (40′ st Lammers sv). A disp.: Ravaglia, Tantalocchi, Djuricic, Segovia, Malagrida, De Luca, Jesé. All.: Stankovic

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Zortea, Erlic (45′ st Romagna), Ferrari, Rogerio; Thorstvedt (1′ st Harroui), Obiang, Henrique (18′ st Lopez); Berardi, Pinamonti (34′ st Defrel), Ceide (18′ st Bajrami). A disp.: Pegolo, Russo, Marchizza, Muldur, Toljan, Bruno. All.: Dionisi

Arbitro: Meraviglia

Marcatori: 8′ Gabbiadini (Sam), 9′ Berardi (Sas), 11′ Henrique (Sas), 33′ st aut. Erlic (Sas)

Ammoniti: Oikonomou (Sam); Thorstvedt, Harroui (Sas)

Le dichiarazioni post partita

SAKIC (vice di Stankovic)  – “Sicuramente questa stagione non è andata come pensavamo e siamo molto delusi di questo. Noi, dallo staff ai ragazzi, abbiamo dato tutto. Poi sul campo non abbiamo risposto a volte come volevamo ma ci sono anche le altre squadre che sono più forti di noi. Quello che voglio dire è un grandissimo applauso al pubblico. Fra giocatore e allenatore, sono stato qua 10 anni e questo pubblico è meraviglioso. Non è scontato che tu stai retrocedendo e loro domenica dopo domenica sono sempre al tuo fianco e sempre di più. Speriamo che la società risolva il problema e la Sampdoria continui”.

DIONISI – “Da un po’ di partite siamo protagonisti nelle nostre situazioni e anche in quelle degli avversari, per quello che abbiamo fatto meritavamo di vincere, abbiamo sbagliato occasioni che ci potevano portare anche al 5-1. Non me ne voglia la Samp, il tributo a Quagliarella è una cosa bellissima, ma il risultato l’abbiamo determinato noi. Il mio futuro? Quando ci saranno novità verranno comunicate, stiamo parlando e siamo sulla strada buona. Ci sono anche altri impegni, bisogna programmare bene“.

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Articles

UEL: playoff ritorno, Rennes-Milan 3-2 ma passano i rossoneri

di Simone Palma – La partita Allo stadio Roazhon Park Il Milan,...

UCL: Napoli-Barcellona 1-1, Osimhen risponde a Lewandowski

Esordio da brivido per Francesco Calzona che si siede per la prima...

UCL: Porto-Arsenal 1-0, Galeno risolve al 94′

di Gianluca Stanzione – All’Estadio do Dragào, il Porto di Sergio Conceicao...

Aia: gli arbitri della 26^ giornata di Serie A

L’AIA ha reso note le designazioni arbitrali per la 26^ giornata di...